Bookmark and Share

God Reveals His Benevolent Plan

Catechesis by Pope Benedict XVI
Wednesday General Audience, 5 December 2012 - also in Arabic, French, German, PortugueseSpanish & here below in Italian

"Dear brothers and sisters,
At the beginning of his letter to the Christians of Ephesus (cf Eph 1, 3-14), the Apostle Paul raises a prayer of blessing to God, Father of our Lord Jesus Christ, which introduces us to living the time of Advent, in the context of the Year of faith. The theme of this hymn of praise is God's project for man, defined in terms full of joy, amazement and thanksgiving, as a “design of benevolence” (v 9), mercy and love.


Why does the Apostle raise this blessing to God from the depths of his heart? Because he looks at his action in the history of salvation, culminating in the Incarnation, death and resurrection of Jesus, and contemplates how the celestial Father chose us before even the creation of the world, (so as) to be his adoptive children/sons, in his Only Begotten Son, Jesus Christ (cf Rom 8, 14; Gal 4, 4). We exist, from all eternity in the mind of God, in a great project which God kept within himself and which he decided to carry out and to reveal "in the fullness of time” (cf Eph 1, 10). St Paul thus makes us understand how/that all creation and, in particular, man and woman are not the fruit of chance, but respond to a design/plan of benevolence of the eternal reason of God who
with the creative and redemptive power of his Word gives origin to the world. This first affirmation reminds us that our vocation is not simply to exist in the world, to be inserted into a history, and nor is it only to be God's creatures; it is something (much) greater: it is to be chosen by God, before even the creation of the world, in the Son, Jesus Christ. In Him, therefore, we already exist/have existed, so to speak, since for ever. God contemplates us in Christ, as adopted children. God’s “design of benevolence", which is qualified by the Apostle also as "design of love” (Eph 1, 5), is defined (as) “the mystery” of the divine will (v 9), hidden and now manifested in the Person and in the work of Christ. The divine initiative precedes every human response: it is a gratuitous/free gift of his love that envelops (us) and transforms us.

But what is the ultimate goal/purpose of this mysterious design? What is the centre of God’s will? It is that - St Paul tells us - of “leading all things back to Christ, the only/one head” (v 10). In this expression we find one of the central formulations of the New Testament which makes us understand the design of God, his project of love (with regard) for the whole of humanity, a formulation which, in the second century, St Irenaeus of Lyons placed as (the) nucleus of his Christology: to “recapitulate” all (of) reality in Christ. Perhaps some of you remember the formula used by Pope St Pius X for the consecration of the world to the Sacred Heart of Jesus: “Instaurare omnia in Christo”, a formula which recalls this Pauline expression and which was also the motto of that holy Pontiff. But the Apostle speaks more precisely of the recapitulation of the universe in Christ, and this means that in the great design of creation and (of) history, Christ stands as the center of the entire pathway of the world, the axis (bearing on)/backbone of everything, who attracts to Himself the whole of/entire reality, so as to overcome/surpass dispersion and limitation and lead everything to the fullness wanted by God (cf Eph 1, 23).


This “design of benevolence/benevolent plan” did not remain, so to speak, in the silence of God, in the heights of his Heaven, but He made it known by entering into relationship with man, to whom He did not reveal only something, but His very self. He did not simply communicate a set of truths, but auto/self-communicated himself to us, all the way to being one of us, to incarnating himself. The Second Vatican Ecumenical Council says in the Dogmatic Constitution Dei Verbum: “It pleased God in his goodness and wisdom to reveal his very self [not only something of himself, but he himself] and to make known the mystery of his will, thanks to which men through Christ, the Word made flesh, have access
in the Holy Spirit to the Father and are thus rendered participants in the divine nature” (n 2). God does not only say something, but He communicates Himself, He attracts us into (the) divine nature in such a way that we are involved in (the) divine nature, divinized. God reveals his great design of love by entering into relationship with man, by drawing/coming so close to him as to make/to the point of making Himself man. The Council continues: “The invisible God in his great love speaks to men as to friends (cf Ex 33, 11; Jn 15, 14-15), and lives among them (cf Bar 3, 38) so as/in order to invite and admit them into communion with Himself” (ibid). With only intelligence and his capabilities man could not have reached such a/this so/most luminous revelation of God’s love; it is God who has opened his Heaven and lowered Himself so as to guide man in the abyss of his love.

Again/Also St Paul writes to the Christians of Corinth: “‘Those things which the eye has not seen, nor the ear heard, nor has ever entered the heart of man, God has prepared for those who love him. And to us God has revealed them through the Spirit; the Spirit in fact well knows every thing, even the depths of God./ What no eye has seen, nor ear heard, nor the heart of man conceived, what God has prepared for those who love him’, God has revealed to us through the Spirit. For the Spirit searches everything, even the depths of God” (1 Cor 2, 9-10). And St John Chrysostom, in a famous passage commenting on the beginning of the Letter to the Ephesians, with these words invites us/one to taste all the beauty of this "design of benevolence" of God revealed in Christ: “What do you lack? You have become immortal, you
have become free, you have become son, you have become righteous, you have become brother, you have become co-heir, with Christ you reign, with Christ you are glorified. Everything has been given to us and - as it is written - “will he not give us every thing together with him?’ (Rom 8, 32). Your first fruits (cf 1 Cor 15, 20, 23) are adored by the angels.... What do you lack?” (pg 62,11).

This communion in Christ through the work of the Holy Spirit, offered by God to all men and women with the light of Revelation, is not something that comes to be/is superimposed on our humanity, but is the fulfilment of the deepest aspirations, of that desire for the infinite and for fullness which dwells in the innermost self/depth/intimo of the human being, and opens him/her to a happiness which is not momentary and limited, but eternal. St Bonaventure of Bagnoregio,
referring to God who reveals himself and speaks to us through the Scriptures so as to lead us to Him, affirms thus: “Holy Scripture is... the book in which are written words of eternal life because, not only do we believe, but we also possess eternal life, in which we will see, we will love, and all our desires will be realised” (Breviloquium, Prologue; Opera Omnia V, 201). Finally, Blessed Pope John Paul II recalled that “Revelation puts into/has set within history a point of reference which man cannot ignore/prescind, if he wants to arrive at understanding/come to understand the mystery of his existence; on the other hand, however, this knowledge constantly refers back to the mystery of God, which the mind cannot exhaust, but can only welcome in faith” (Fides et Ratio, 14).

In this perspective, what then is the act of faith? It is man’s response to the Revelation of God, who makes Himself known, who manifests his design of benevolence; it is, to use an Augustinian expression, to let oneself be grasped by the Truth that is God, a Truth which is Love. For this reason St Paul underlines how/that to God, who has revealed his mystery, is owed/due “the obedience of faith” (Rom 16, 26; cf 1, 5; 2 Cor 10, 5-6), the attitude with which “man freely abandons himself entirely to Him, in giving/rendering full adhesion of the intellect and will to God who reveals, and in assenting voluntarily to the Revelation which He gives” (Dei Verbum, 5). All this leads to a fundamental change in the way of relating with the whole of reality; everything appears in a new light, thus it is a true “conversion”, faith is a “change of mentality”, because the God who revealed himself in Christ and has made known his design of love, He grasps us/takes hold of us, He attracts us to Himself, He becomes the meaning which sustains life, the rock on which stability can be found. In the Old Testament we find a dense expression about faith, which God entrusts to the prophet Isaiah so that he might communicate it to the King of Judah, Ahaz. God affirms, “If you will not believe — that is, if you do not remain faithful to God — you will not stand firm” (Is 7, 9b). There is therefore a link between being and understanding, which expresses well how faith is a welcoming into one's own life God's vision on reality, is letting God guide us with his Word and the Sacraments so as to understand what we must/have to/should do, which is the pathway that we must/should take, how to live. At the same time, however, it is precisely the understanding/to understand according to God, the seeing/to see with his eyes which renders life firm/solid/sure, which allows us to “stand on our feet”, not to fall.


Dear friends, Advent, the liturgical time that we have just begun and which prepares us for Holy Christmas, places us before the luminous mystery of the coming of the Son of God, the great “design of benevolence” with which He wishes to attract us to Himself, so as to make us to live in full communion of joy and peace with Him. Advent invites us once again, in the midst of so many difficulties, to renew the certainty that God is present: He entered into the world, (by) making himself man like us, so as to bring to fullness his plan of love. And God asks that we too become (a) sign of his action in the world. Through our faith, our hope, our charity, He wants to enter into the world ever anew and wants ever anew to make his light shine out in our night. Thank you."

 

Dio rivela il suo "disegno di benevolenza"      
Catechesi di Papa Benedetto nell'Anno della Fede
Aula Paolo VI, Udienza Generale, Mercoledì 5 dicembre 2012

"Cari fratelli e sorelle,
all’inizio della sua Lettera ai cristiani di Efeso (cfr 1, 3-14), l’apostolo Paolo eleva una preghiera di benedizione a Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci introduce a vivere il tempo di Avvento, nel contesto dell’Anno della fede. Tema di questo inno di lode è il progetto di Dio nei confronti dell’uomo, definito con termini pieni di gioia, di stupore e di ringraziamento, come un “disegno di benevolenza” (v. 9), di misericordia e di amore.

Perché l’Apostolo eleva a Dio, dal profondo del suo cuore, questa benedizione? Perché guarda al suo agire nella storia della salvezza, culminato nell’incarnazione, morte e risurrezione di Gesù, e contempla come il Padre celeste ci abbia scelti prima ancora della creazione del mondo, per essere suoi figli adottivi, nel suo Figlio Unigenito, Gesù Cristo (cfr Rm 8,14s.; Gal 4,4s.). Noi esistiamo, fin dall’eternità nella mente di Dio, in un grande progetto che Dio ha custodito in se stesso e che ha deciso di attuare e di rivelare «nella pienezza dei tempi» (cfr Ef 1,10). San Paolo ci fa comprendere, quindi, come tutta la creazione e, in particolare, l’uomo e la donna non siano frutto del caso, ma rispondano ad un disegno di benevolenza della ragione eterna di Dio che con la potenza creatrice e redentrice della sua Parola dà origine al mondo. Questa prima affermazione ci ricorda che la nostra vocazione non è semplicemente esistere nel mondo, essere inseriti in una storia, e neppure soltanto essere creature di Dio; è qualcosa di più grande: è l’essere scelti da Dio, ancora prima della creazione del mondo, nel Figlio, Gesù Cristo. In Lui, quindi, noi esistiamo, per così dire, già da sempre. Dio ci contempla in Cristo, come figli adottivi. Il “disegno di benevolenza” di Dio, che viene qualificato dall’Apostolo anche come “disegno di amore” (Ef 1,5), è definito “il mistero” della volontà divina (v. 9), nascosto e ora manifestato nella Persona e nell’opera di Cristo. L’iniziativa divina precede ogni risposta umana: è un dono gratuito del suo amore che ci avvolge e ci trasforma.

Ma qual è lo scopo ultimo di questo disegno misterioso? Qual è il centro della volontà di Dio? E’ quello – ci dice san Paolo – di «ricondurre a Cristo, unico capo, tutte le cose» (v. 10). In questa espressione troviamo una delle formulazioni centrali del Nuovo Testamento che ci fanno comprendere il disegno di Dio, il suo progetto di amore verso l’intera umanità, una formulazione che, nel secondo secolo, sant’Ireneo di Lione mise come nucleo della sua cristologia: “ricapitolare” tutta la realtà in Cristo. Forse qualcuno di voi ricorda la formula usata dal Papa san Pio X per la consacrazione del mondo al Sacro Cuore di Gesù: “Instaurare omnia in Christo”, formula che si richiama a questa espressione paolina e che era anche il motto di quel santo Pontefice. L’Apostolo, però, parla più precisamente di ricapitolazione dell’universo in Cristo, e ciò significa che nel grande disegno della creazione e della storia, Cristo si leva come centro dell’intero cammino del mondo, asse portante di tutto, che attira a Sé l’intera realtà, per superare la dispersione e il limite e condurre tutto alla pienezza voluta da Dio (cfr Ef 1,23).

Questo “disegno di benevolenza” non è rimasto, per così dire, nel silenzio di Dio, nell’altezza del suo Cielo, ma Egli lo ha fatto conoscere entrando in relazione con l’uomo, al quale non ha rivelato solo qualcosa, ma Se stesso. Egli non ha comunicato semplicemente un insieme di verità, ma si è auto-comunicato a noi, fino ad essere uno di noi, ad incarnarsi. Il Concilio Ecumenico Vaticano II nella Costituzione dogmatica Dei Verbum dice: «Piacque a Dio nella sua bontà e sapienza rivelare se stesso [non solo qualcosa di sé, se stesso] e far conoscere il mistero della sua volontà, mediante il quale gli uomini, per mezzo di Cristo, Verbo fatto carne, nello Spirito Santo hanno accesso al Padre e sono così resi partecipi della divina natura» (n. 2). Dio non solo dice qualcosa, ma Si comunica, ci attira nella divina natura così che noi siamo coinvolti nella natura divina, divinizzati. Dio rivela il suo grande disegno di amore entrando in relazione con l’uomo, avvicinandosi a lui fino al punto di farsi Egli stesso uomo. Il Concilio continua: «Il Dio invisibile nel suo grande amore parla agli uomini come ad amici (cfr Es 33,11; Gv 15,14-15) e vive tra essi (cfr Bar 3,38) per invitarli e ammetterli alla comunione con Sé» (ibidem). Con la sola intelligenza e le sue capacità l’uomo non avrebbe potuto raggiungere questa rivelazione così luminosa dell’amore di Dio; è Dio che ha aperto il suo Cielo e si è abbassato per guidare l’uomo nell’abisso del suo amore.

Ancora san Paolo scrive ai cristiani di Corinto: «Quelle cose che occhio non vide, né orecchio udì, né mai entrarono in cuore di uomo, Dio le ha preparate per coloro che lo amano. E a noi Dio le ha rivelate per mezzo dello Spirito; lo Spirito infatti conosce bene ogni cosa, anche le profondità di Dio» (2,9-10). E san Giovanni Crisostomo, in una celebre pagina a commento dell’inizio della Lettera agli Efesini, invita a gustare tutta la bellezza di questo “disegno di benevolenza” di Dio rivelato in Cristo, con queste parole: «Che cosa ti manca? Sei divenuto immortale, sei divenuto libero, sei divenuto figlio, sei divenuto giusto, sei divenuto fratello, sei divenuto coerede, con Cristo regni, con Cristo sei glorificato. Tutto ci è stato donato e – come sta scritto – “come non ci donerà ogni cosa insieme con lui?” (Rm 8,32). La tua primizia (cfr 1 Cor 15,20.23) è adorata dagli angeli […]: che cosa ti manca?» (PG 62,11).

Questa comunione in Cristo per opera dello Spirito Santo, offerta da Dio a tutti gli uomini con la luce della Rivelazione, non è qualcosa che viene a sovrapporsi alla nostra umanità, ma è il compimento delle aspirazioni più profonde, di quel desiderio dell’infinito e di pienezza che alberga nell’intimo dell’essere umano, e lo apre ad una felicità non momentanea e limitata, ma eterna. San Bonaventura da Bagnoregio, riferendosi a Dio che si rivela e ci parla attraverso le Scritture per condurci a Lui, afferma così: «La sacra Scrittura è […] il libro nel quale sono scritte parole di vita eterna perché, non solo crediamo, ma anche possediamo la vita eterna, in cui vedremo, ameremo e saranno realizzati tutti i nostri desideri» (Breviloquium, Prol.; Opera Omnia V, 201s.). Infine, il beato Papa Giovanni Paolo II ricordava che «la Rivelazione immette nella storia un punto di riferimento da cui l’uomo non può prescindere, se vuole arrivare a comprendere il mistero della sua esistenza; dall’altra parte, però, questa conoscenza rinvia costantemente al mistero di Dio, che la mente non può esaurire, ma solo accogliere nella fede» (Enc. Fides et ratio, 14).

In questa prospettiva, che cos’è dunque l’atto della fede? E’ la risposta dell’uomo alla Rivelazione di Dio, che si fa conoscere, che manifesta il suo disegno di benevolenza; è, per usare un’espressione agostiniana, lasciarsi afferrare dalla Verità che è Dio, una Verità che è Amore. Per questo san Paolo sottolinea come a Dio, che ha rivelato il suo mistero, si debba «l’obbedienza della fede» (Rm 16,26; cfr 1,5; 2 Cor 10, 5-6), l’atteggiamento con il quale «l’uomo liberamente si abbandona tutto a Lui, prestando la piena adesione dell’intelletto e della volontà a Dio che rivela e assentendo volontariamente alla Rivelazione che egli da» (Cost dogm. Dei Verbum, 5). Tutto questo porta ad un cambiamento fondamentale del modo di rapportarsi con l’intera realtà; tutto appare in una nuova luce, si tratta quindi di una vera “conversione”, fede è un “cambiamento di mentalità”, perché il Dio che si è rivelato in Cristo e ha fatto conoscere il suo disegno di amore, ci afferra, ci attira a Sé, diventa il senso che sostiene la vita, la roccia su cui essa può trovare stabilità. Nell’Antico Testamento troviamo una densa espressione sulla fede, che Dio affida al profeta Isaia affinché la comunichi al re di Giuda, Acaz. Dio afferma: «Se non crederete - cioè se non vi manterrete fedeli a Dio - non resterete saldi» (Is 7,9b). Esiste quindi un legame tra lo stare e il comprendere, che esprime bene come la fede sia un accogliere nella vita la visione di Dio sulla realtà, lasciare che sia Dio a guidarci con la sua Parola e i Sacramenti nel capire che cosa dobbiamo fare, qual è il cammino che dobbiamo percorrere, come vivere. Nello stesso tempo, però, è proprio il comprendere secondo Dio, il vedere con i suoi occhi che rende salda la vita, che ci permette di “stare in piedi”, di non cadere.

Cari amici, l’Avvento, il tempo liturgico che abbiamo appena iniziato e che ci prepara al Santo Natale, ci pone di fronte al luminoso mistero della venuta del Figlio di Dio, al grande “disegno di benevolenza” con il quale Egli vuole attirarci a Sé, per farci vivere in piena comunione di gioia e di pace con Lui. L’Avvento ci invita ancora una volta, in mezzo a tante difficoltà, a rinnovare la certezza che Dio è presente: Egli è entrato nel mondo, facendosi uomo come noi, per portare a pienezza il suo piano di amore. E Dio chiede che anche noi diventiamo segno della sua azione nel mondo. Attraverso la nostra fede, la nostra speranza, la nostra carità, Egli vuole entrare nel mondo sempre di nuovo e vuol sempre di nuovo far risplendere la sua luce nella nostra notte. Grazie."

Saluti:

"Je salue avec joie les pèlerins francophones, particulièrement le groupe du “Jour du Seigneur”! L’Avent nous invite à renouveler notre certitude que Dieu est toujours présent dans nos vies. N’ayez pas peur de vous laisser guider par sa Parole et par les Sacrements ! Dieu est le roc qui nous donne la stabilité nécessaire pour rester toujours debout. Bon pèlerinage à tous !

I offer a cordial welcome to the pilgrimage group from the Archdiocese of Milwaukee. My greeting also goes to the Anglican visitors from Ardingly College. I thank the choir for their praise of God in song. Upon all the English-speaking pilgrims, including the groups from Australia and the United States of America, I invoke God’s blessings of joy and peace.

Mit Freude grüße ich die deutschsprachigen Pilger und Besucher, besonders die Mitglieder und Freunde der Schönstattbewegung aus Deutschland. Öffnen wir, wie die selige Jungfrau Maria, in dieser Adventszeit in gläubiger Liebe Christus unsere Herzen, damit sein Licht durch uns hell in diese Welt hereinstrahlen kann. Danke.

Saludo a los peregrinos de lengua española, en particular a los grupos provenientes de España, México y otros países latinoamericanos. Invito a todos a ser signo de la acción de Dios en el mundo por medio de la fe, la esperanza, la caridad. El Señor quiere siempre hacer resplandecer nuevamente su luz en la noche. Muchas gracias.

Amados peregrinos de língua portuguesa, cordiais saudações para todos vós, de modo especial para os fiéis cristãos de Goiânia, invocando sobre os vossos passos a graça do encontro com Deus: Jesus Cristo é a Tenda divina no meio de nós. Ide até Ele, vivei na sua graça e tereis a vida eterna. Sobre vós e vossas famílias desça a minha Bênção.

البَابَا يُصْلِي مِنْ أَجَلِ جَمِيعِ النَّاطِقينَ بِاللُّغَةِ العَرَبِيَّةِ. لِيُبَارِك الرَّبّ جَمِيعَكُمْ.

Witam polskich pielgrzymów. Drodzy przyjaciele, Adwent zaprasza nas, byśmy odnowili pewność, że Bóg jest obecny wśród nas: wszedł On w świat, stając się człowiekiem, aby wypełnić swój plan miłości. A my przez naszą wiarę, nadzieję, miłość, możemy być świadkami tej obecności wobec świata. Niech nam w tym towarzyszy Jego błogosławieństwo.

Srdečně zdravím všechny české poutníky. V adventu se připravujte na Pánův příchod jako Panna Maria, aby Kristus vešel skrze vás do světa. S radostí vám žehnám. Chvála Kristu.

Srdečne pozdravujem slovenských pútnikov, osobitne Spevácky zbor Psallite Deo Piaristického gymnázia svätého Jozefa Kalazanského z Nitry, ktoré slávi dvadsiate výročie obnovenia. Bratia a sestry, milí mladí, v Jubilejnom roku svätého Cyrila a Metoda pokračujte v oslave Boha svojim spevom a predovšetkým svojim príkladným kresťanským svedectvom. S láskou žehnám vás i vašich drahých. Pochválený buď Ježiš Kristus!"


APPELLO

"Continuano ad arrivare preoccupanti notizie sulla grave crisi umanitaria nell'Est della Repubblica Democratica del Congo, che da mesi è diventata teatro di scontri armati e di violenze. A gran parte della popolazione mancano i mezzi di primaria sussistenza e migliaia di abitanti sono stati costretti ad abbandonare le proprie case, per cercare rifugio altrove. Rinnovo quindi il mio appello al dialogo e alla riconciliazione e chiedo alla comunità internazionale di adoperarsi per sovvenire ai bisogni della popolazione.

* * *

Adesso rivolgo un cordiale benvenuto ai pellegrini di lingua italiana. In particolare, saluto i partecipanti al pellegrinaggio promosso dalle Figlie di Maria Santissima dell’Orto, in occasione della beatificazione di Suor Maria Crescencia Perez, e li incoraggio a proseguire con fedeltà e gioia il loro servizio al Vangelo e ai fratelli sull’esempio della nuova Beata. Saluto i fedeli della Parrocchia di Sant’Anna in Foggia e i volontari del Dispensario Santa Marta in Vaticano, assicurando per ciascuno un ricordo nella preghiera perché il Signore li renda suoi testimoni sempre più generosi. Saluto i rappresentanti della Federazione Italiana Panificatori e Pasticcieri e li ringrazio per il generoso dono dei panettoni destinati alle opere di carità del Papa. Grazie a voi.

Saluto, infine, i giovani, i malati e gli sposi novelli. Il tempo di Avvento, da poco iniziato, prende luce in questi giorni dall’esempio fulgido della Vergine Immacolata. Sia Lei a spronarvi, cari giovani, nel vostro cammino di adesione a Cristo. Per voi, cari malati, sia Maria il sostegno per una rinnovata speranza. E sia guida per voi, cari sposi novelli, nel costruire la vostra famiglia."