Bookmark and Share

ITALY - ITALIA

Italy's Patron Saints: St Catherine of Siena & St Francis of Assisi.

Rome, the capital of Italy & known as the 'eternal city', is really Mary's city - la città di Maria (check out these photos if you need convincing). In the Jubilee Year 2000 World Youth Day was celebrated by over 2 million young people with Il Papa in Rome.

When Karol Woytyla was elected Bishop of Rome (1st non-Italian Pope in over 450 years), he took Rome & Italy to his heart. During his 26½ years as Pope, San Giovanni Paolo II was a pilgrim on 146 pastoral visits in Italy, as well as 748 visits within the Diocese of Rome or to Castel Gandolfo. Click here to see more (with videos & links) about San Giovanni Paolo II's pastoral visits in Italy, at which he frequently met with his 'carissimi giovani'.

JPII was a pilgrim to the Marian shrine of the Holy House of Loreto in 1979, 1985, 1994, 1995 & 2004 (his last pilgrimage). Papa Benedetto visited Loreto in 2007 & 2012 (ahead of the Synod of Bishops on the New Evangelisation & the Year of Faith - also BXVI's last pilgrimage as Pope).

So many Italians have generously given their response for a Totus2us podcast (thanks in part to Ruth having spent some of the Year of Faith in Rome), they are shown here alphabetically by Christian name: from A - I and from J - Z
- grazie mille a tutti     ♥

Papa Benedetto has given catechesis &/or Totus2us has recordings on the Italians: St Alphonsus Liguori, St Aloysius Gonzaga, Sant' Ambrogio di Milano, St Anselm of Canterbury, San Benedetto da Norcia, San Bonaventura, St Catherine of Bologna, St Catherine of Genoa, Santa Caterina da Siena, St Chromatius of Aquileia, St Clare of Assisi, St Clement of Rome, San Domenico Savio, St Eusebius of Vercelli, San Francesco d'Assisi, San Gaetano di Tiene, Santa Gianna Molla, St Gregory the Great, St John Leonardi, St Joseph Cafasso, St Joseph Cottolengo, St Lawrence of Brindisi, St Leo the Great, St Leonard Murialdo, Santa Maria Goretti, St Maximus of Turin, St Peter Damian, San Padre Pio, San Pius X, Santa Rita da Cascia, St Robert Bellarmine, Santa Scolastica, San Tommaso d'Aquino, St Veronica Giuliani, San Vincenzo Pallotti, Bl Angela of Foligno, Bioethius, Cassiodorus & Peter Lombard.

To download the free mp3 Totus2us audio recordings, right/double click on the play buttons.
Per scaricare le Totus2us registrazioni gratuito mp3 audio, destra / doppio click sul tasto play.

Preghiere in italiano su Totus2us

Se volete dare il vostro qualcosa su Maria
si prega di mettersi in contatto con il team Totus2us

- Così come si spera portandoti gioia,
si sarebbe davvero aiutando Totus2us
  ♥

Totus tuus ego sum et omnia mea tua sunt.
Accipio te in mea omnia. Praebe mihi cor tuum, Maria. - St Louis de Montfort

Beato Giovanni Paolo II ha avuto il suo motto Totus Tuus da questa citazione.

"Io sono tutto tuo e tutto ciò che è mio è tuo.
Io ti accetto per il mio tutto. O Maria, dammi il tuo cuore."

Catechesis by Pope St John Paul II on the Founding of Rome
General Audience, Wednesday 25 April 1979 - in English, French, Italian, Portuguese & Spanish

"1. These words which, a few days ago, were recalled to the City and to the world, tell us a great deal! They also tell every individual man a great deal. Because man is a "historical being". That does not mean just that he is subjected to time, like all other living beings in this world of ours. Man is a historical being because he is capable of making of time, of the transitory, of the past, a particular content of his own existence, a particular dimension of his own "temporariness". All this happens in the various sectors of human life. Each of us, beginning from the day of his birth, has a history of his own. At the same time each of us, through history, is part of the community. The fact that each of us, as a "social being", belongs to a certain group and to a determined society is always realized by means of history. It is realized on a certain historical scale.

In this way families have their history. And also nations have their history. One of the tasks of the family is to draw from the history and culture of the nation, and at the same time to prolong this history in the educative process.

When we speak of the anniversary of the founding of Rome, we meet with an even vaster reality. Certainly, a particular right and duty to refer to this event, to this date, belongs to the persons for whom the Rome of today is their City, their Capital. Nevertheless all the Romans of our time know perfectly well that the exceptional character of this City, of this Capital, consists in the fact that they cannot limit Rome merely to their own history. Here it is necessary to go back to a past far more distant in time and to conjure up not only the centuries of the ancient Empire, but even more remote times, until we arrive at that date that recalls to us the founding of Rome.

An immense heritage of history, various eras of human culture and civilization, different socio-political changes, separate us from that date and at the same time unite us with it. I would say even more: this date, the founding of Rome, marks not only the beginning of a succession of human generations who lived in this City, and together in this peninsula; the founding of Rome is also a beginning for distant peoples and nations, who feel a link and a special unity with the Latin cultural tradition, in its deepest contents.

I, too, though I came here from distant Poland, feel bound by my spiritual genealogy to the founding of Rome, just like the whole nation from which I come, and many other nations of contemporary Europe, and not only of Europe.

2. The anniversary of the founding of Rome has a quite special eloquence for us who believe that the history of man on earth the history of the whole of mankind reached a new dimension through the mystery of the Incarnation. God entered man's history becoming Man. This is the central truth of the Christian faith, the fundamental content of the Gospel and of the mission of the Church.

Entering the history of man, becoming Man, God made this history, in all its extension, the history of salvation. What was fulfilled at Nazareth, Bethlehem and Jerusalem is history and, at the same time, it is a ferment of history. And although the history of men and peoples has developed and continues to develop along paths of its own, although the history of Rome — then at the peak of its ancient splendour — passed almost without noticing it alongside the birth, the life, the passion, the death and the resurrection of Jesus of Nazareth, yet these salvific events became new leaven in the history of man. They became new leaven particularly in the history of Rome. It can be said that at the time when Jesus was born, at the time when he died on the cross and rose again, ancient Rome, then the capital of the world experienced a new birth. Not by chance do we find it already so deeply integrated in the New Testament. St Luke, who plans his Gospel as the path of Jesus to Jerusalem where the paschal mystery is accomplished, takes, in the Acts of the Apostles, as the point of arrival of the apostolic journeys, Rome, where the mystery of the Church will be manifested.

The rest is well known to us. The apostles of the Gospel, and first among them Peter of Galilee, then Paul of Tarsus, came to Rome and planted the Church here also. Thus in the capital of the ancient world there came into existence the See of Peters successors, of the bishops of Rome. Even before coming here, St Paul wrote his masterly letter to the Romans, and the Bishop of Antioch, Ignatius, addressed his spiritual testament to them, on the eve of martyrdom. What was Christian took root in what was Roman, and at the same time, after having fermented in the Roman soil, it began to germinate with new strength. With Christianity, what was "Roman" began to live a new life, while continuing to remain truly "native".

D'Arcy was right when he wrote: "There is in history a presence, which makes it something more than a mere 'succession of events'. As in a palimpsest, the new is indelibly superimposed on what is already written and widens its meaning indefinitely" (M.C.D'Arcy, S.J., The Sense of History Secular and Sacred, London 1959, 275). Rome owes to Christianity a new universality of its history, its culture, its heritage. This Christian ("catholic") universality of Rome endures even until today. Not only does it have two thousand years of history behind it, but it continues to develop incessantly: it reaches new peoples, new lands. And so people from all over the world willingly flock to Rome, to find themselves at home in this ever living centre of universality.

3. I will never forget the years, the months, the days in which I was here for the first time. My favourite spot, to which I returned most often, perhaps, was the ancient Roman Forum, still so well preserved today. How eloquent for me was the temple of S. Maria Antiqua, which rises directly on an ancient Roman building.

Christianity entered the history of Rome not with violence, not with military force, not by conquest or invasion, but with the force of testimony, paid at the clear price of the blood of the martyrs, throughout more than three centuries of history. It entered with the strength of the evangelical leaven which, revealing to man his ultimate vocation and his supreme dignity in Jesus Christ (cf. Lumen Gentium, n. 40; Gaudium et Spes, n. 22), began to act in the depths of souls, penetrating subsequently into human institutions and the whole of culture. That is why this second birth of Rome is so authentic and has within it such a charge of interior truth and such force of spiritual irradiation!

You, Romans of ancient date, accept this testimony of a man who has come here to Rome to become, by Christ's will, at the end of the second millennium, your Bishop. Accept this testimony and integrate it in your magnificent heritage, in which we all participate. Man comes up from history. He is the son of history, subsequently becoming its responsible architect. Therefore the heritage of this history commits him deeply. It is a great good for man's life, to be remembered not just on festivities, but every day! May this good always find an adequate place in our conscience and in our behaviour! And let us try to be worthy of the history, to which the temples, the basilicas and even more the Colosseum and the catacombs of ancient Rome bear witness here.

These are the wishes addressed to you, dear Romans, for the anniversary of the founding of Rome, by your Bishop, whom you welcomed, six months ago, so openheartedly, as the successor of St Peter and witness to that universal mission, which divine Providence has inscribed in the history book of the Eternal City."

Having giving his address in Italian, the Holy Father addressed various groups in other languages. To English speaking pilgrims who were present the Pope said:

"Dear brothers and sisters,
You are all very welcome to Rome. I greet in particular the American seminarians who are to be ordained deacons tomorrow, and I pray that God will abundantly bless you and your future ministry. My greeting goes also to each and every one of you, from whatever country or continent you have come.

To the International Council for Catechesis:

I now wish to address a special greeting to members of the International Council for Catechesis, composed of bishops, priests, Sisters and lay experts, who have met here in Rome in these days to examine the important subject of the "Formation of Catechists", and who, together with the superiors and some officials of the S. Congregation for the Clergy, which organized the meeting, have come here to express to the Pope their ecclesial communion.

I thank you, dear Brothers, for this significant presence of yours and, even more, for your active commitment in updating the delicate and important sector of catechesis, which is certainly the "opus princeps" of the Church's mission. The theme you have chosen is too vast and important for me to be able to refer to it here: I will limit myself, therefore, to a short and simple exhortation. I am of the opinion that in the catechist's formation, over and above all problems regarding the content and the method of teaching, uprightness of life and sincerity of Christian faith are necessary. Neither cultural preparation nor pedagogical skill are sufficient to make the revealed truths accessible to the mentality of modern man. These are necessary things, but they are not enough: the catechist must have a soul, which lives and brings life to everything he professes. In this connection I am glad to leave you, as an inspiring motive, some expressions of St Bonaventure of Bagnoregio, who, in his"Itinerarium mentis in Deum" admonished the teachers of his time, with sculptural clarity, as follows: "Nemo credat quod sibi sufficiat lectio sine unctione, speculatio sine devotione, investigatio sine admiratione, circumspectio sine exultatione, industria sine pietate, scientia sine charitate, intelligentia sine humilitate, studium absque divina gratia, speculum absque sapientia divinitus inspirata" (Itinerariummentis in Deum, Introduction, n. 4).

All that demands of the catechist, of course, great love for Jesus Christ, our Master, it demands readiness to listen to his voice and follow him daily in order to be able to learn how he spoke, in his continual catechesis, to children, to the young, to the learned and to the ignorant.

This is, dear Brothers, the brief thought I wished to express to you. May the Holy Spirit sustain you in your work, and the Blessed Virgin, Sedis Sapientiae, encourage you in difficulties. To all of you my fatherly Blessing, which I willingly bestow also on all those who are engaged in various capacities in the delicate field of catechesis.

To a group of diocesan priest delegates for the apostolate of manual labour:

A cordial greeting now goes to the large group of priests, diocesan delegates for the apostolate of manual labour, who are concluding in Rome today their annual Congress, organized by the National Office of the Italian Episcopal Conference for the Apostolate in the World of Manual Labour.

Beloved priests, I express to you my deep satisfaction with the interesting programme you have carried out in the last few days for a more effective "Apostolate of Manual Labour in Italian Churches".

As you well know, the Church follows with all care and anxiety the vast, varied and, sometimes, dramatic social question regarding the workers. Since she "cannot remain insensible to whatever serves man's true welfare, any more than she can remain indifferent to what threatens it" (Enc. Redemptor Hominis, n. 13), she constantly safeguards the Christian meaning of work and at the same time the inviolable dignity of the worker, which is all the more sacred the more it is recognized as having the first place which man occupies in the scale of values. Work, in fact, is for man, and not man for work. It must aim at serving man and not at subduing him: if that were not so, man again would become a slave and his stature would be measured—alas!—only with the yardstick of suffocating materialism.

It is necessary to reconsider the figure and the situation of the worker, so that he may be enabled to be more of a man and to regain his true greatness as collaborator in God's creative work when he imprints on matter the sign of his active mind.

It is up to you, dear priests, to make every effort in order that this wish may come true, so that the space between the Church and the Factory may be lessened and the smoke of incense mingle, in its ascent to heaven, with that of industries. In your pastoral action take care, in the first place, of those who are still suffering because of the heaviness and unhealthiness of their work, uncertainty about their employment, the insufficiency of their dwellings and of their wages. But take care also and above all in order that the workers may be able to rediscover and support the inborn tendency to the highest values of the spirit; faith, hope, and justice. Succeed, in a word, in projecting the light of the Gospel upon the difficult but attractive world of manual work.

And for you priests and those who help you in your work of human and Christian solidarity, I pray to the Heavenly Father, imploring from him, through the Blessed Virgin, Mother of the divine Workman, a special Apostolic Blessing.


A numerosi ministranti

Un paterno, affettuoso saluto desidero ora rivolgere agli ottomila Ministranti, provenienti da tutte le Regioni d’Italia. Grazie, grazie, carissimi, per la vostra presenza, ma soprattutto per il servizio, che con tanto impegno prestate all’Altare del Signore nelle vostre parrocchie. La Chiesa, il Papa, i vostri Sacerdoti, i Fedeli tutti apprezzano ed ammirano la vostra opera, che contribuisce ad accrescere al decoro delle cerimonie liturgiche.

Da parte vostra fate che tutta la vostra vita sia un esemplare servizio al Signore mediante la preghiera assidua, la carità operosa verso gli altri, la purezza luminosa. E se Gesù farà sentire nel cuore di qualcuno di voi le parole che rivolse agli apostoli ed ai discepoli: “Vieni e seguimi! (cf. Mt 4,19;9,9;19,21;Mc 1,17;2,14;Lc 5,10.27), siate generosi e pronti ad accogliere l’invito che vi chiama a salire all’Altare, domani, come Sacerdoti e Ministri di Cristo! Su voi tutti e sui vostri cari invoco l’abbondanza dei favori celesti e vi imparto di cuore la mia Benedizione Apostolica.

Alle diocesi italiane

Oggi i pellegrini italiani sono veramente tanti: la giornata, che in Italia è festiva, ha loro permesso di essere presenti in numero particolarmente elevato a questo appuntamento col Papa, per recargli la testimonianza della loro devozione e del loro entusiasmo. Io vi sono sinceramente grato, figli carissimi, di questa nuova prova di affettuoso attaccamento e colgo volentieri l’occasione per rinnovare a voi e a tutti gli abitanti di questa gloriosa terra l’espressione del mio amore paterno e l’augurio di una convivenza concorde ed operosa, che consolidi e promuova le conquiste civili e sociali, germinate dalla sofferenza e dal sacrificio di tanti connazionali.

A tutti porgo il benvenuto più cordiale. Purtroppo, non mi è possibile dire una parola ad ogni gruppo. Non posso però non menzionare esplicitamente, innanzitutto, il pellegrinaggio diocesano di Penne e Pescara, guidato dal proprio Pastore. Vi saluto di cuore, fratelli carissimi, vi ringrazio della visita e benedico volentieri la prima pietra che avete qui portato e che è destinata alla costruzione dell’Ospedale che sorgerà a Ouagadougou, nell’Alto Volta, in ricordo del XIX Congresso Eucaristico tenutosi appunto a Pescara nel 1977.

Desidero salutare inoltre i partecipanti al pellegrinaggio di Faenza, pure guidato dal suo Vescovo. Carissimi, vi incoraggio di cuore nella devozione alla Madonna delle Grazie, protettrice della vostra città. Come ben sapete, è la stessa immagine che è tanto venerata a Cracovia e nella chiesa dei Polacchi a Roma. La Vergine Santissima vi assista sempre con la sua materna protezione, e vi accompagni altresì la mia benedizione.

Rivolgo poi il mio pensiero ai pellegrinaggi delle diocesi di Prato, di Volterra e di Comacchio, che sono qui presenti con i loro Vescovi. A tutti il mio riconoscente apprezzamento per la visita, la mia esortazione a ritemprare la vostra fede presso la Tomba dell’Apostolo Pietro, e la mia Benedizione, quale pegno di benevolenza e auspicio di copiosi doni celesti."

Maria, Madre della Consolazione.

Maria,
Madre della Consolazione e Madre nostra,
Eterna Sapienza e modello di Virtù,
in Te Dio si è compiaciuto
e per Te ha donato al mondo la Salvezza Incarnata.
Donaci la Tua protezione e
illumina il nostro cammino
verso la Luce del Regno di Dio.
Consolaci nelle difficoltà della vita
ed intercedi per noi.
Amen.

This beautiful image of Mary, Mother of Consolation, was restored in 2010 by Marianna Fonzo & Jan Michelini. You can visit her in the Church of Maria della Scala, Roma.

Messaggio di Papa Benedetto XVI al Presidente
della Repubblica Italiana in occasione die 150 anni dell'Unita politica d'Italia
- in English, French, German, Italian, Portuguese & Spanish

Illustrissimo Signore On. Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica Italiana

Il 150° anniversario dell’unificazione politica dell’Italia mi offre la felice occasione per riflettere sulla storia di questo amato Paese, la cui Capitale è Roma, città in cui la divina Provvidenza ha posto la Sede del Successore dell’Apostolo Pietro. Pertanto, nel formulare a Lei e all’intera Nazione i miei più fervidi voti augurali, sono lieto di parteciparLe, in segno dei profondi vincoli di amicizia e di collaborazione che legano l’Italia e la Santa Sede, queste mie considerazioni.

Il processo di unificazione avvenuto in Italia nel corso del XIX secolo e passato alla storia con il nome di Risorgimento, costituì il naturale sbocco di uno sviluppo identitario nazionale iniziato molto tempo prima. In effetti, la nazione italiana, come comunità di persone unite dalla lingua, dalla cultura, dai sentimenti di una medesima appartenenza, seppure nella pluralità di comunità politiche articolate sulla penisola, comincia a formarsi nell’età medievale. Il Cristianesimo ha contribuito in maniera fondamentale alla costruzione dell’identità italiana attraverso l’opera della Chiesa, delle sue istituzioni educative ed assistenziali, fissando modelli di comportamento, configurazioni istituzionali, rapporti sociali; ma anche mediante una ricchissima attività artistica: la letteratura, la pittura, la scultura, l’architettura, la musica. Dante, Giotto, Petrarca, Michelangelo, Raffaello, Pierluigi da Palestrina, Caravaggio, Scarlatti, Bernini e Borromini sono solo alcuni nomi di una filiera di grandi artisti che, nei secoli, hanno dato un apporto fondamentale alla formazione dell’identità italiana. Anche le esperienze di santità, che numerose hanno costellato la storia dell’Italia, contribuirono fortemente a costruire tale identità, non solo sotto lo specifico profilo di una peculiare realizzazione del messaggio evangelico, che ha marcato nel tempo l’esperienza religiosa e la spiritualità degli italiani (si pensi alle grandi e molteplici espressioni della pietà popolare), ma pure sotto il profilo culturale e persino politico. San Francesco di Assisi, ad esempio, si segnala anche per il contributo a forgiare la lingua nazionale; santa Caterina da Siena offre, seppure semplice popolana, uno stimolo formidabile alla elaborazione di un pensiero politico e giuridico italiano. L’apporto della Chiesa e dei credenti al processo di formazione e di consolidamento dell’identità nazionale continua nell’età moderna e contemporanea. Anche quando parti della penisola furono assoggettate alla sovranità di potenze straniere, fu proprio grazie a tale identità ormai netta e forte che, nonostante il perdurare nel tempo della frammentazione geo­politica, la nazione italiana poté continuare a sussistere e ad essere consapevole di sé. Perciò, l’unità d’Italia, realizzatasi nella seconda metà dell’Ottocento, ha potuto aver luogo non come artificiosa costruzione politica di identità diverse, ma come naturale sbocco politico di una identità nazionale forte e radicata, sussistente da tempo. La comunità politica unitaria nascente a conclusione del ciclo risorgimentale ha avuto, in definitiva, come collante che teneva unite le pur sussistenti diversità locali, proprio la preesistente identità nazionale, al cui modellamento il Cristianesimo e la Chiesa hanno dato un contributo fondamentale.

Per ragioni storiche, culturali e politiche complesse, il Risorgimento è passato come un moto contrario alla Chiesa, al Cattolicesimo, talora anche alla religione in generale. Senza negare il ruolo di tradizioni di pensiero diverse, alcune marcate da venature giurisdizionaliste o laiciste, non si può sottacere l’apporto di pensiero - e talora di azione - dei cattolici alla formazione dello Stato unitario. Dal punto di vista del pensiero politico basterebbe ricordare tutta la vicenda del neoguelfismo che conobbe in Vincenzo Gioberti un illustre rappresentante; ovvero pensare agli orientamenti cattolico-liberali di Cesare Balbo, Massimo d’Azeglio, Raffaele Lambruschini. Per il pensiero filosofico, politico ed anche giuridico risalta la grande figura di Antonio Rosmini, la cui influenza si è dispiegata nel tempo, fino ad informare punti significativi della vigente Costituzione italiana. E per quella letteratura che tanto ha contribuito a “fare gli italiani”, cioè a dare loro il senso dell’appartenenza alla nuova comunità politica che il processo risorgimentale veniva plasmando, come non ricordare Alessandro Manzoni, fedele interprete della fede e della morale cattolica; o Silvio Pellico, che con la sua opera autobiografica sulle dolorose vicissitudini di un patriota seppe testimoniare la conciliabilità dell’amor di Patria con una fede adamantina. E di nuovo figure di santi, come san Giovanni Bosco, spinto dalla preoccupazione pedagogica a comporre manuali di storia Patria, che modellò l’appartenenza all’istituto da lui fondato su un paradigma coerente con una sana concezione liberale: “cittadini di fronte allo Stato e religiosi di fronte alla Chiesa”.

La costruzione politico-istituzionale dello Stato unitario coinvolse diverse personalità del mondo politico, diplomatico e militare, tra cui anche esponenti del mondo cattolico. Questo processo, in quanto dovette inevitabilmente misurarsi col problema della sovranità temporale dei Papi (ma anche perché portava ad estendere ai territori via via acquisiti una legislazione in materia ecclesiastica di orientamento fortemente laicista), ebbe effetti dilaceranti nella coscienza individuale e collettiva dei cattolici italiani, divisi tra gli opposti sentimenti di fedeltà nascenti dalla cittadinanza da un lato e dall’appartenenza ecclesiale dall’altro. Ma si deve riconoscere che, se fu il processo di unificazione politico-istituzionale a produrre quel conflitto tra Stato e Chiesa che è passato alla storia col nome di “Questione Romana”, suscitando di conseguenza l’aspettativa di una formale “Conciliazione”, nessun conflitto si verificò nel corpo sociale, segnato da una profonda amicizia tra comunità civile e comunità ecclesiale. L’identità nazionale degli italiani, così fortemente radicata nelle tradizioni cattoliche, costituì in verità la base più solida della conquistata unità politica. In definitiva, la Conciliazione doveva avvenire fra le Istituzioni, non nel corpo sociale, dove fede e cittadinanza non erano in conflitto. Anche negli anni della dilacerazione i cattolici hanno lavorato all’unità del Paese. L’astensione dalla vita politica, seguente il “non expedit”, rivolse le realtà del mondo cattolico verso una grande assunzione di responsabilità nel sociale: educazione, istruzione, assistenza, sanità, cooperazione, economia sociale, furono ambiti di impegno che fecero crescere una società solidale e fortemente coesa. La vertenza apertasi tra Stato e Chiesa con la proclamazione di Roma capitale d’Italia e con la fine dello Stato Pontificio, era particolarmente complessa. Si trattava indubbiamente di un caso tutto italiano, nella misura in cui solo l’Italia ha la singolarità di ospitare la sede del Papato. D’altra parte, la questione aveva una indubbia rilevanza anche internazionale. Si deve notare che, finito il potere temporale, la Santa Sede, pur reclamando la più piena libertà e la sovranità che le spetta nell’ordine suo, ha sempre rifiutato la possibilità di una soluzione della “Questione Romana” attraverso imposizioni dall’esterno, confidando nei sentimenti del popolo italiano e nel senso di responsabilità e giustizia dello Stato italiano. La firma dei Patti lateranensi, l’11 febbraio 1929, segnò la definitiva soluzione del problema. A proposito della fine degli Stati pontifici, nel ricordo del beato Papa Pio IX e dei Successori, riprendo le parole del Cardinale Giovanni Battista Montini, nel suo discorso tenuto in Campidoglio il 10 ottobre 1962: “Il papato riprese con inusitato vigore le sue funzioni di maestro di vita e di testimonio del Vangelo, così da salire a tanta altezza nel governo spirituale della Chiesa e nell’irradiazione sul mondo, come prima non mai”.

L’apporto fondamentale dei cattolici italiani alla elaborazione della Costituzione repubblicana del 1947 è ben noto. Se il testo costituzionale fu il positivo frutto di un incontro e di una collaborazione tra diverse tradizioni di pensiero, non c’è alcun dubbio che solo i costituenti cattolici si presentarono allo storico appuntamento con un preciso progetto sulla legge fondamentale del nuovo Stato italiano; un progetto maturato all’interno dell’Azione Cattolica, in particolare della FUCI e del Movimento Laureati, e dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, ed oggetto di riflessione e di elaborazione nel Codice di Camaldoli del 1945 e nella XIX Settimana Sociale dei Cattolici Italiani dello stesso anno, dedicata al tema “Costituzione e Costituente”. Da lì prese l'avvio un impegno molto significativo dei cattolici italiani nella politica, nell’attività sindacale, nelle istituzioni pubbliche, nelle realtà economiche, nelle espressioni della società civile, offrendo così un contributo assai rilevante alla crescita del Paese, con dimostrazione di assoluta fedeltà allo Stato e di dedizione al bene comune e collocando l’Italia in proiezione europea. Negli anni dolorosi ed oscuri del terrorismo, poi, i cattolici hanno dato la loro testimonianza di sangue: come non ricordare, tra le varie figure, quelle dell’On. Aldo Moro e del Prof. Vittorio Bachelet? Dal canto suo la Chiesa, grazie anche alla larga libertà assicuratale dal Concordato lateranense del 1929, ha continuato, con le proprie istituzioni ed attività, a fornire un fattivo contributo al bene comune, intervenendo in particolare a sostegno delle persone più emarginate e sofferenti, e soprattutto proseguendo ad alimentare il corpo sociale di quei valori morali che sono essenziali per la vita di una società democratica, giusta, ordinata. Il bene del Paese, integralmente inteso, è stato sempre perseguito e particolarmente espresso in momenti di alto significato, come nella “grande preghiera per l’Italia” indetta dal Venerabile Giovanni Paolo II il 10 gennaio 1994.

La conclusione dell’Accordo di revisione del Concordato lateranense, firmato il 18 febbraio 1984, ha segnato il passaggio ad una nuova fase dei rapporti tra Chiesa e Stato in Italia. Tale passaggio fu chiaramente avvertito dal mio Predecessore, il quale, nel discorso pronunciato il 3 giugno 1985, all’atto dello scambio degli strumenti di ratifica dell’Accordo, notava che, come “strumento di concordia e collaborazione, il Concordato si situa ora in una società caratterizzata dalla libera competizione delle idee e dalla pluralistica articolazione delle diverse componenti sociali: esso può e deve costituire un fattore di promozione e di crescita, favorendo la profonda unità di ideali e di sentimenti, per la quale tutti gli italiani si sentono fratelli in una stessa Patria”. Ed aggiungeva che nell’esercizio della sua diaconia per l’uomo “la Chiesa intende operare nel pieno rispetto dell’autonomia dell’ordine politico e della sovranità dello Stato. Parimenti, essa è attenta alla salvaguardia della libertà di tutti, condizione indispensabile alla costruzione di un mondo degno dell’uomo, che solo nella libertà può ricercare con pienezza la verità e aderirvi sinceramente, trovandovi motivo ed ispirazione per l’impegno solidale ed unitario al bene comune”. L’Accordo, che ha contribuito largamente alla delineazione di quella sana laicità che denota lo Stato italiano ed il suo ordinamento giuridico, ha evidenziato i due principi supremi che sono chiamati a presiedere alle relazioni fra Chiesa e comunità politica: quello della distinzione di ambiti e quello della collaborazione. Una collaborazione motivata dal fatto che, come ha insegnato il Concilio Vaticano Il, entrambe, cioè la Chiesa e la comunità politica, “anche se a titolo diverso, sono a servizio della vocazione personale e sociale delle stesse persone umane” (Cost. Gaudium et spes, 76). L’esperienza maturata negli anni di vigenza delle nuove disposizioni pattizie ha visto, ancora una volta, la Chiesa ed i cattolici impegnati in vario modo a favore di quella “promozione dell’uomo e del bene del Paese” che, nel rispetto della reciproca indipendenza e sovranità, costituisce principio ispiratore ed orientante del Concordato in vigore (art. 1). La Chiesa è consapevole non solo del contributo che essa offre alla società civile per il bene comune, ma anche di ciò che riceve dalla società civile, come afferma il Concilio Vaticano II: “chiunque promuove la comunità umana nel campo della famiglia, della cultura, della vita economica e sociale, come pure della politica, sia nazionale che internazionale, porta anche un non piccolo aiuto, secondo la volontà di Dio, alla comunità ecclesiale, nelle cose in cui essa dipende da fattori esterni” (Cost. Gaudium et spes, 44).

Nel guardare al lungo divenire della storia, bisogna riconoscere che la nazione italiana ha sempre avvertito l’onere ma al tempo stesso il singolare privilegio dato dalla situazione peculiare per la quale è in Italia, a Roma, la sede del successore di Pietro e quindi il centro della cattolicità. E la comunità nazionale ha sempre risposto a questa consapevolezza esprimendo vicinanza affettiva, solidarietà, aiuto alla Sede Apostolica per la sua libertà e per assecondare la realizzazione delle condizioni favorevoli all’esercizio del ministero spirituale nel mondo da parte del successore di Pietro, che è Vescovo di Roma e Primate d’Italia. Passate le turbolenze causate dalla “questione romana”, giunti all’auspicata Conciliazione, anche lo Stato Italiano ha offerto e continua ad offrire una collaborazione preziosa, di cui la Santa Sede fruisce e di cui è consapevolmente grata.

Nel presentare a Lei, Signor Presidente, queste riflessioni, invoco di cuore sul popolo italiano l’abbondanza dei doni celesti, affinché sia sempre guidato dalla luce della fede, sorgente di speranza e di perseverante impegno per la libertà, la giustizia e la pace.

Dal Vaticano, 17 marzo 2011


BENEDICTUS P P. XVI

© Copyright 2011 - Libreria Editrice Vaticana